L’emergenza sanitaria, causata dalla pandemia di Covid-19, ha avuto (e sta avendo) pesanti ripercussioni, oltre che sul piano economico e occupazionale, su beni, servizi e prestazioni garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

Per fronteggiare l’emergenza, come noto, il sistema sanitario ha dovuto rapidamente riorganizzare ospedali e strutture con l’allestimento di reparti per i malati di Covid-19.

Diverse ricerche a livello nazionale e internazionale, realizzate dopo il lockdown, hanno dimostrato l’impatto significativo del Coronavirus sul bisogno di tutela della salute dei cittadini.
In sintesi, queste le principali evidenze:

  • quasi un italiano su due ha rinunciato e/o rimandato esami e visite specialistiche;
  • l’effetto più significativo di questo rinvio è stato pagato dalle fasce più fragili della popolazione: anziani, malati cronici ma anche pazienti oncologici e disabili;
  • la povertà sanitaria è drammaticamente aumentata: da 5 sono diventati 12 milioni gli italiani che non possono curarsi a causa di difficoltà economiche.

Tuttavia, durante l’emergenza, molti erogatori della sanità pubblica e privata hanno introdotto servizi digitali che trasformano il modo di lavorare degli operatori sanitari e di interagire con gli assistiti.

ASSIDIM, intercettando in anticipo i bisogni di prevenzione e cura che la pandemia di Covid-19 ha reso ancora più drammatici e consapevole della crescente rilevanza dei dati per la salute delle persone, ha messo a disposizione delle proprie aziende associate una serie di importanti servizi quali, ad esempio, il soccorso a domicilio in caso di necessità, il consulto e videoconsulto medico, una sofisticata piattaforma di Digital Health e altro ancora.

Vai

Visita il nostro sito web www.assidim.it

e scopri tutte le nostre soluzioni assistenziali per un welfare di qualità, digitale e sostenibile!
Vai

Per un utile approfondimento sullo stato attuale della digitalizzazione della sanità in Europa, consulta e scarica il Report Deloitte Digital transformation: shaping the future of European Healthcare