Il vero welfare aziendale mostra subito i suoi effetti sui dipendenti: una buona qualità della vita out of office correla positivamente con engagement, retention e produttività.

Qual è oggi la sfida per gli attori operanti nel terzo settore?

  1. sondare le esigenze e i bisogni emergenti dei dipendenti
  2. comunicare i benefici degli employee benefit
  3. monitorare i conseguenti effetti sociali ed economici

E’ opportuno non confondere gli employee con i flexible benefit: la salute non è paragonabile a un buono acquisto!
Per approfondimenti, rimandiamo a un’intervista rilasciata da ASSIDIM per la rivista Tuttowelfare.info:

https://www.tuttowelfare.info/sanita-welfare/la-salute-dei-dipendenti-come-fattore-competitivo-dellazienda

E tu, cosa ne pensi in tema di salute e welfare aziendale? Compila questo brevissimo questionario, la tua opinione è preziosa!

https://docs.google.com/forms/d/1i765nGvh_gX6p5Iy7aAOrZ5yBcElk1BpMASV5MHhL9c/edit

(Ricordiamo che il questionario è completamente anonimo e le risposte saranno trattate in modo aggregato nel rispetto della normativa sulla privacy)